Il Parrozzo di Gabriele d’Annunzio: la ricetta del dolce natalizio d’Abbruzzo

Il Parrozzo è il dolce natalizio di Gabriele D’Annunzio e ora scopriamo il perché…

Il Parrozzo fu inventato nel 1920 da Luigi D’Amico, titolare di un laboratorio di pasticceria a Pescara. D’Amico volle creare un dolce dall’aspetto di un pane rustico, anche detto pane rozzo (da cui è derivato il nome “Pan rozzo”), che era una pagnotta semisferica che veniva fatta dai contadini con il granoturco e che si conservava per tanti giorni. Così il pasticciere ricreò il giallo del granturco col giallo delle uova, aggiungendo la farina di mandorle per dargli la consistenza e la ruvidità delle pagnotte e la copertura al cioccolato per far in modo che somigliasse alla bruciatura scura ed eterea delle pagnotte cotte al forno a legna. Ed ecco nato Il Parrozzo d’Abbruzzo!

Felicissimo di aver creato parrozzo, il pasticcere lo fece assaggiare ad un suo amico, Gabriele D’Annunzio, che estasiato dalla bontà del nuovo dolce, scrisse un madrigale La Canzone del Parrozzo: “È tante ‘bbone stu parrozze nove che pare na pazzie de San Ciattè, c’avesse messe a su gran forne tè la terre lavorata da lu bbove, la terre grasse e lustre che se coce… e che dovente a poche a poche chiù doce de qualunque cosa doce…“.

Il parrozzo da allora – dolce abruzzese di Natale – divenne noto in tutta Italia, con la sua forma tipicamente a cupola.

Preparazione del Parrozzo d’Abbruzzo di Natale

Ingredienti: 6 uova – 300 grammi di zucchero – 200 grammi di cioccolato fondente – 150 grammi di mandorle – 150 grammi di semolino – scorza di limone. Per lo stampo: burro e farina.

Tritate finemente le mandorle con la buccia e mischiatele con il semolino. In una terrina montate gli albumi a neve fino a farne un composto spumoso. In un’altra terrina lavorate a crema i tuorli con lo zucchero e la scorza del limone grattugiata. Unite i due composti e aggiungete le mandorle. Amalgamate bene e versate in uno stampo apposito per parrozzo, ben infarinato e imburrato. Cuocete in forno il parrozzo per un’ora a 180°C.

A cottura ultimata lasciate raffreddare il dolce e rovesciatelo su un piatto da portata. Intanto, spennellate il parrozzo d’Abbruzzo in superficie con del cioccolato fondente sciolto a bagnomaria. Lasciate raffreddare la glassa e servite.

parrozzo


Facebook

Questo articolo è stato letto 1.040 volte.


Leggi anche...