Peperonata alla calabrese: con peperoni, melanzane e pomodori in padella

 

Appena rientrati dalle vacanze rincominciamo a parlare di ricette e di tutto ciò che concerne la cucina!

Torniamo ai fornelli allora con la peperonata alla calabrese.


La peperonata calabrese altro non è che la rivisitazione, secondo il proprio gusto regionale della più famosa peperonata campana. Quella alla calabrese fa uso di verdure proprie di questo periodo ed è molto colorata e gustosa. Si prepara in poco tempo, utilizzando: peperoni verdi e rossi, melanzane, pomodori di Belmonte, basilico, olio di oliva e sale.

In alcune parti della Calabria questa pietanza viene chiamata zibatò, forse per la mescolanza dei diversi ingredienti che la compongono che rimandano alla mente il celebre Zibaldone di Giocomo Leopardi, che altro non è che una raccolta letteraria di appunti vari, scritti tra il 1817 e il 1832.


Sta di fatto che la peperonata – che spesso mia nonna porta sulla sua tavola in autunno – fa parte della cultura gastronomica della Calabria, che già nel 1800 la arricchì e insaporì secondo il proprio gusto.

Ecco la ricetta della vera peperonata calabrese.

Ingredienti per 4 persone: 4 Peperoni misti (verdi e rossi) – 2 melanzane – 2 o 3 pomodori di Belmonte – olio d’oliva – basilico –  sale.

La ricetta della peperonata alla calabrese

Mettete dell’olio d’oliva in una padella e iniziate a tagliare i peperoni a striscioline dopo averli lavati e privati del picciolo. Poi fateli rosolare appena appena, fino a quando si saranno ammorbiditi. Lavate ora le melanzane, eliminando il picciolo e tagliate anch’esse a listarelle, unendole in padella con i peperoni, e mescolando bene con un mestolo di legno. Quando saranno giunti a mezza cottura, lavate i pomodori e fateli a pezzetti ponendoli in padella congiuntamente a tutti gli altri ingredienti.

Aggiungete infine del basilico fresco e del sale Q.B. e di tanto in tanto rigirate le verdure con il mestolo di legno, fino a che la cottura sarà ultimata.

peperonata alla calabrese

Facebook


Questo articolo è stato letto 666 volte.


Leggi anche...