La ricetta della panna cotta alle fragole

Dopo la panna cotta al marsala e menta e la panna cotta classica abbiamo deciso di proporvene un’altra variante. Stiamo parlando della panna cotta alla fragola. Se avete ospiti a cena, cosa c’è di meglio di un fresco dessert dalla consistenza morbida e dal gusto delicato?

Questo dolce al cucchiaio è la versione più leggera della bavarese. Secondo quanto riportato da alcune fonti, sembra che questo dolce a base di panna, sia opera di una massaia di origini ungheresi. Altri invece, la ritengono una lontana parente del “Bianco Mangiare” – un dessert siciliano – molto simile nell’aspetto alla panna cotta e che una volta giunto alla conoscenza dei pasticceri del nord Italia, vide l’aggiunta nei suoi ingredienti tradizionali del latte vaccino in sostituzione del consueto latte di mandorla.


Per preparare una buonissima panna cotta alla fragola non dovete fare altro che seguire la ricetta classica della panna cotta, che trovate riportata di seguito e poi guarnire le singole porzioni con dello sciroppo alla fragola, che potete trovare in tutti i supermercati più forniti della vostra zona.

Preparazione della panna cotta alla fragola

Ingredienti per 4 persone: ¼ di litro di latte – ¼ di litro di panna fresca – 3 cucchiai di zucchero semolato – 2 fogli di gelatina – essenza di vaniglia – sciroppo alla fragola per guarnire.


  1. Mettete i fogli di gelatina in acqua fredda per almeno 10 minuti.
  2. Trascorso questo tempo, sgocciolateli dall’acqua in eccesso e strizzateli bene.
  3.  In una casseruola amalgamate bene la panna con il latte e lo zucchero semolato.
  4.  Aggiungete l’essenza alla vaniglia, quindi, ponete la casseruola sul fuoco e portate il tutto lentamente a bollore.
  5.  Ora incorporatevi anche la gelatina precedentemente strizzata e riponete la panna cotta in singole coppette.
  6.  Lasciate che la panna cotta si rapprenda in frigorifero per qualche ora.
  7. Al momento di servirla su dei piattini per dolci guarnitela con dello sciroppo alla fragola fresco.

Facebook


Questo articolo è stato letto 218 volte.


Leggi anche...