Le nociate

Le nociate e le nocchiate romane sono dei dolci dal sapore antico. Venivano infatti preparati a Roma e specialmente nella sua provincia, come per esempio a Tivoli, quando in una società prevalentemente contadina i dolci di natale si realizzavano utilizzando i prodotti che la natura offriva in quel determinato periodo. In questo caso, noci, nocciole e frutta secca in genere.

Nella sabina a Natale le nociate non potevano certo mancare! Di questo dolce ne esistono due varianti: la variante classica, più semplice, che prevede solo l’uso di miele, noci e una foglia di alloro e che dà vita ad un torroncino fortemente aromatico e una versione più ricca che fa delle nociate dei buonissimi biscotti alle noci cotti in forno, (che è poi quella che vi proponiamo noi della Cucina di Bacco) .

Sempre nella zona della Sabina, vi era l’usanza di mangiare le nociate intorno a un camino acceso e di buttare le foglie di alloro nella sua fiamma, facendo in modo che quest’ultime scoppiettando allegramente invadessero la casa di un intenso profumo.

Ingredienti delle nociate romane

Un chilo di gherigli di noci
8 uova
100 grammi di cacao amaro
800 grammi di zucchero semolato

Preparazione delle nociate romane

  • Fate tostare i gherigli di noci in forno.
  • Una volta che le noci saranno tutte tostate, privatele completamente della pellicina esterna che le riveste.
  • Tritate in modo grossolano tutte le noci e possibilmente a mano, in modo da non perdere in prezioso olio in esse contenuto.
  • Su un piano di lavoro leggermente infarinato ponete il trito di noci, le uova, il cacao amaro in polvere e lo zucchero semolato.
  • Impastate con cura il composto di noci e cacao fino a quando sarà ben amalgamato e poi con le mani formate delle palline di media grandezza.
  • Se volete potete anche schiacciare un poco le nociate in modo da mettere su ognuna di essa metà gheriglio di noce con la pellicina.
  • Mettete le nociate in una placca da forno oliata, ricordandovi di posizionarle un po’ distanti le une dalle altre e fatele cuocere in forno per 25 – 30 minuti a 170°C.
  • Una volta che le nociate saranno completamente fredde, saranno ottime da mangiare.

Le nocchiate

Le nocchiate laziali – a differenza delle nociate che sono nate prima – sono preparate non con le noci ma con le nocciole.


Questi biscotti  cotti al forno dal sapore meraviglioso – di solito di forma rotonda o leggermente schiacciata – si preparano nel Lazio a partire dal giorno dell’Immacolata fino a giungere all’Epifania.

Ingredienti per le nocchiate

Un chilo di nocciole sgusciate
7 uova
500 grammi di zucchero semolato
30 grammi di cacao amaro
Scorza di un limone grattugiato

Preparazione delle nocchiate

  • Fate tostare le nocciole in forno.
  • Una volta pronte, eliminate completamente la pellicina esterna da ognuna di esse e fatene un trito, meglio se a mano in modo da non disperdere l’olio contenuto in esse.
  • Infarinate leggermente un piano di lavoro e poi cominciate ad impastarvi il trito di nocciole insieme allo zucchero semolato, le uova, il cacao amaro in polvere e la scorza grattugiata di un limone.
  • Quando tutti gli ingredienti si saranno ben amalgamati e avrete ottenuto un composto omogeneo, cominciate a prelevare piccole porzioni di impasto con le mani e formate delle palline di media grandezza.
  • Se volete potete anche schiacciare leggermente le vostre nocchiate con le mani e poi decorarle con l’aggiunta di una nocciola – a cui avrete lasciato la pellicina esterna – o un pezzettino di frutta candita.
  • Oliate una placca da forno e disponete al suo interno tutte le nocchiate che andranno disposte a una certa distanza le une delle altre.
  • Cuocete in forno le nocchiate a 170°C per 40 minuti e quando si saranno raffreddate completamente mettetele su di un piatto da portata.Nocchiate romane