Coniglio al vino bianco con funghi porcini: la ricetta

Il coniglio al vino bianco con funghi porcini è un secondo piatto abbastanza facile da preparare. Perfetto per stupire i propri ospiti utilizzando solo pochi e semplici ingredienti che tutti noi possiamo avere in casa, come: il vino bianco, i funghi porcini, la carne di coniglio, brodo di carne, i pomodori pelati, la farina, una cipolla, il burro e l’olio.

Il coniglio poi è una carne bianca, molto magra e leggera indicata anche a chi è a dieta e non vuole rinunciare al gusto senza avere poi sensi di colpa!


Vi ricordiamo, come sempre, che per ottenere un buon coniglio al vino bianco con funghi porcini è preferibile comprare dei prodotti freschi e di qualità: magari funghi porcini dal vostro fruttivendolo di fiducia, come anche della carne e del vino di ottima qualità.

 

Preparazione del coniglio al vino bianco con funghi porcini

Ingredienti per 4 persone: un coniglio – un quarto di litro di vino bianco – 400 grammi di funghi porcini – 500 grammi di pomodori pelati – un mestolo di brodo di carne – 2 cucchiai di farina – una cipolla – 100 grammi di burro – mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva – sale – pepe.


  1. Pulite, lavate e fate a pezzi il coniglio.
  2. Dopo aver tolto eventuali residui di terra dai gambi dei funghi porcini con l’aiuto di un coltello affilato, pulite accuratamente i cappelli dei funghi con un canovaccio e una spazzolina.
  3. Ora fate un trito con la cipolla e rosolatela in un tegame ampio con olio extravergine di oliva e burro.
  4. In questo soffritto fate dorare il coniglio per una decina di minuti. Salate, pepate e cospargete il tutto con la farina.
  5. Bagnate il coniglio con del vino bianco e lasciatelo evaporare, unendovi poi i pomodori pelati sgocciolati e tagliati a pezzetti.
  6. Ora affettate i funghi porcini e aggiungeteli in padella con il coniglio al vino bianco.
  7. Unitevi il brodo di carne caldo e continuate la cottura del coniglio a fiamma bassa e tegame coperto, facendo cuocere per un’ora.

 

Facebook


Questo articolo è stato letto 427 volte.


Leggi anche...