Oggi prepariamo i ricciarelli tipici di Siena e simili ai Saporelli che comprate nei supermercati per Natale. La ricetta e il procedimento non sono affatto difficili. I ricciarelli sono dei dolcetti molto morbidi al loro interno e privi di farina, come tradizione vuole!

Anticamente erano chiamati “marzapanetti alla senese” o “morzelletti” e la loro lavorazione avveniva nei conventi o nelle botteghe degli speziali, le farmacie di un tempo, unici luoghi nei quali potevano essere recuperate le spezie e gli aromi indispensabili per dare profumo e conservare i cibi.

I ricciarelli derivano dal marzapane, arricchito però, da scorze di arance candite. I ricciarelli erano presenti già al banchetto nunziale di Caterina Sforza.

Non si conosce la data precisa della nascita dei Ricciarelli, ma è quasi sicuro che siano una elaborazione del marzapane, come in uso in oriente. Dove il marzapane si spolverizzava di miele, zucchero e mandorle.  Nei Ricciarelli di Siena si aggiunse la vaniglia e con il termine Ricciarelli si volle indicare le scarpe con le punte arricciate caratteristiche degli orientali.

In forma di losanga ovale, cosparsi di zucchero a velo e ricchi di mandorle trite e impasto morbido. Una leggenda dell’epoca narra infatti che, Ricciardetto della Gherardesca, tornato dalle crociate, portò questi dolci arricciati come le barbe dei sultani.

I Ricciarelli di Siena si conservano al meglio in luogo fresco e asciutto, per mantenere la loro morbidezza e fragranza.

Contenuti dell'articolo

Ecco la ricetta dei veri Ricciarelli

Ingredienti: 250 grammi di farina di mandorle – un cucchiaino di aroma alle mandorle – 400 grammi di zucchero a velo – 2 albumi – Ostia (un foglio A4 da prendere nei negozi di alimentari o pasticcerie fornite).


Cominciate con il montare a neve ferma gli albumi. Poi, aggiungete la farina di mandorle e 200 grammi di zucchero a velo, amalgamando gli ingredienti con una spatola di legno, dal basso verso l’alto. Unitevi anche l’aroma di mandorla e continuate a mescolare piano e bene, per poi coprire la ciotola con pellicola trasparente e riporre in frigo per 4 ore.

Trascorso questo tempo, prendete un piano di lavoro cosparso di farina e spolveratelo di zucchero a velo. Ricavate dall’ostia venti ovali, non molto grandi e fate 20 palline con l’impasto da mettere sulle ostie, che andranno poi schiacciate su tutte la superfice delle ostie.

Spolverate i ricciarelli di zucchero a velo e infornateli per 15 minuti a 170°C. Una volta che i ricciarelli saranno pronti toglieteli dal forno senza toccarli e fateli raffreddare.

ricciarelli-senesi-di-natale


Vota la Ricetta
[Total: 0 Average: 0]

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *