Sanguinaccio al cioccolato di Carnevale: la vera ricetta

Il sanguinaccio, che veniva preparato dopo l’uccisione del maiale – che avveniva in Calabria – tra il periodo di dicembre e febbraio – un tempo aveva molte varianti possibili, in base agli ingredienti che si avevano a disposizione. Ogni casalinga utilizzava ciò che aveva in casa, perciò il migliaccio o sanguinaccio al cioccolato non ha una versione unica. Gli ingredienti di base rimangono comunque: sangue di maiale, latte, buccia di limone grattugiata, miele, noce moscata e zucchero semolato, mentre tutti gli altri ingredienti potevano subire delle variazioni.

Oggi il sanguinaccio al cioccolato viene preparato soprattutto nel periodo di Carnevale nelle regioni del sud Italia, come Calabria e Campania, dove si realizza una crema al cioccolato chiamata sanguinaccio o migliaccio ma senza l’utilizzo di sangue di maiale, che viene gustata insieme alle chiacchiere di Carnevale e alle castagnole.


Il sanguinaccio, che tradizionalmente era aromatizzato con sangue fresco di maiale, aveva un buon retrogusto acidulo, ma la vendita al pubblico del sangue di maiale è stata vietata per motivi sanitari nel 1992.

Su richiesta della regione Basilicata, tuttavia, vi sono alcune eccezioni per il periodo di Carnevale ed è per questo che il sanguinaccio mantiene ancora oggi la denominazione di Prodotto Agroalimentare Tipico (P.A.T.).


Un tempo durante i burloni carnevali napoletani questa golosa crema al cioccolato fondente veniva servita in “cantari” (vasi da notte) di ceramica per il suo aspetto denso e il colore scuro, per fare uno scherzo ai commensali che ne rimanevano increduli.

 

La ricetta del sanguinaccio di Carnevale al cioccolato (senza sangue)

Ingredienti per 4 persone: 500 ml di latte – 200 g di zucchero semolato –  40 grammi di amido di mais – 70 grammi di cacao amaro –   30 grammi di burro – 100 g di cioccolato fondente – una stecca di cannella – i semi di una bacca di vaniglia –  Strega Q.B.

  1. In un tegame mettete il cacao amaro setacciato, insieme all’amido di mais, la cannnella in polvere, lo zucchero semolato e la vaniglia.
  2. Pian piano versate il latte e il liquore, amalgamando il tutto con un mestolo di legno, mescolando bene e facendo cuocere il sanguinaccio per circa 15-20 minuti. Proseguite a rimestare il sanguinaccio al cioccolato alla napoletana fino a che diventerà denso. Togliete il pentolino dal fuoco e unite il cioccolato a pezzetti e il burro a pezzi e a temperatura ambiente, mescolando fino ad ottenere una crema scura e densa.
  3. Lasciate intiepidire il sanguinaccio al cioccolato in un recipiente e copritelo con della pellicola trasparente, in modo tale da evitare che si formi una spiacevole crosticina sulla superficie.
  4. Infine, portate in tavola il sanguinaccio al cioccolato di Carnevale servito in delle coppette di vetro, accompagnato a delle gustose castagnole, delle bugie di Carnevale o dei savoiardi classici

 

L’antica ricetta del sanguinaccio al cioccolato di Carnevale (con sangue di maiale)

Ingredienti per 4 persone: 3 dl di sangue di maiale – 7 dl di latte – 120 grammi di zucchero semolato – 50 grammi di canditi – mezzo limone – 70 grammi di mandorle spellate – 120 grammi di miele – 70 grammi di cioccolato fondente – noce moscata – sale – 30 grammi di burro per la teglia.

  1. Fate bollire per 10 minuti il latte con il cioccolato tritato e la scorza di limone. Poi eliminate la buccia di limone e lasciate che il tutto si raffreddi un poco. Ora aggiungete il sangue setacciato e il miele, con lo zucchero semolato, le mandorle trite, i canditi tritate finemente, una grattugiata di noce moscata e un pizzico di sale.
  2. Mescolate con cura il sanguinaccio al cioccolato e ungete una teglia con il burro freddo. In ultimo coprite la teglia con carta di alluminio per evitare che il dolce formi una crosta e infornatelo a 180°C fino a quando il sanguinaccio al cioccolato non diventa solido, verificando la cottura infilzandolo con uno stuzzicadenti.

Sanguinaccio al cioccolato di carnevale

Facebook


Questo articolo è stato letto 329 volte.


Leggi anche...