Antipasto alla piemontese: una ricetta con tanti tipi di verdure

L’antipasto alla piemontese o giardiniera alla piemontese un tempo era considerato un metodo per conservare e avere a disposizione nelle proprie dispense tutte le diverse verdure dell’orto, durate tutto l’arco dell’anno. Questa ricetta molto antica e semplice ha origine quindi, dai contadini del Piemonte e proprio come allora – anche oggi – si prepara nelle case nei mesi estivi. Se notate negli ingredienti troverete menzionata anche la salsa rubra, una salsa che altro non è che, il ketchup italiano di un tempo e che potete trovare (se non volete prepararlo da voi) anche già pronto, negli scaffali del supermercato, prodotto anche dalla Cirio se non erro!

Ingredienti: 600 grammi di cavolfiori – 500 grammi di peperoni – 500 grammi di fagiolini – 500 grammi di carote – 400 grammi di cipolline – 800 grammi di passata di pomodoro – 300 grammi di sedano – 10 filetti di acciuga – mezzo litro di aceto di vino bianco – una bottiglia di salsa rubra – mezza noce moscata – un cucchiaio di zucchero – un bicchiere di olio extravergine di oliva – 4 chiodi di garofano – sale

Preparazione dell’antipasto alla piemontese

Pulite, lavate e tagliate a dadini tutte le verdure, mettendo ciascuna verdura in ciotolini differenti. Poi, ponete in una pentola molto grande la passata di pomodoro con i filetti di acciuga (privati delle spine), la salsa rubra, l’aceto, lo zucchero, la noce moscata a pezzetti, l’olio, i chiodi di garofano, mezzo cucchiaio di sale e portate il tutto a bollore. Aggiungete ora tutte le carote: prima le carote, poi il sedano, poi le cipolline, poi il cavolfiore, poi i fagiolini e infine i peperoni (questo perché tutte queste verdure hanno tempi di cottura diversi). Lasciate cuocere per 10 minuti senza rimestare, poi mescolate di tanto per un’ora.

Una volta che tutte le verdure saranno pronte mettete l’antipasto piemontese ancora bollente in vasi di vetro precedentemente sterilizzati e chiudeteli ermeticamente. Quando i vasetti saranno freddi mettetevi delle etichette adesive e conservateli in un ambiente fresco e buio.

 

Antipasto alla piemontese


Facebook

Questo articolo è stato letto 264 volte.


Leggi anche...