Cavatelli con le cozze alla tarantina in bianco

Oggi, cavatelli con le cozze tarantine.

La città di Taranto, come si sa, un tempo era la maggior produttrice di cozze e ostriche al mondo. L’attività di mitilicoltura sembra sia iniziata attorno all’anno mille e da allora è stata una delle maggiori risorse economiche della città. La cozza tarantina, infatti, è una delle più pregiate e sicure di tutt’Italia, grazie ai numerosi controlli volti a garantirne la qualità.


I cavatelli con le cozze sono tipici della Puglia e possono essere preparati sia nella versione in bianco, come in questo caso, che nella versione al sugo.

I cavatelli inoltre li potete preparare a mano – seguendo la procedura illustrata precedentemente nei cavatelli con fave fresche e ricotta – così da trattenere meglio il sugo delle cozze oppure li potete comprare già pronti al supermercato o dal vostro pastaio di fiducia.


 

La ricetta dei cavatelli con le cozze alla tarantina

Ingredienti per 4 persone: 400 grammi di cavatelli – 2 kg di cozze – 2 dl di olio extravergine di oliva – 50 grammi di prezzemolo trito – 2 spicchi di aglio – un peperoncino – sale

  1. Lavate per più volte le cozze sotto l’acqua fredda corrente, così da avere una pulizia accurata dei mitili.
  2. Ponetele quindi in abbondante acqua salata per 2 ore, perché si spurghino.
  3. Dopo aver così pulito le cozze, prendete una padella abbastanza capiente e mettete al suo interno un giro abbondante di olio extravergine di oliva.
  4. A questo punto unitevi il peperoncino spezzettato e l’aglio trito.
  5. Quando il soffritto di odori sarà divenuto bello caldo, aggiungetevi le cozze, facendole saltare in padella, di modo che le cozze si aprano.
  6. Buttate via le cozze che non si sono aperte e nel frattempo cuocete i cavatelli in abbondante acqua salata.
  7. Una volta che la pasta sarà pronta e al dente, scolatela e versatela nei cavatelli, che condirete con del prezzemolo fresco tritato e un filo di olio.
  8. Mescolate bene i cavatelli e le cozze e serviteli in tavola.

 

Facebook


Questo articolo è stato letto 506 volte.


Leggi anche...