Oggi vi raccontiamo la storia del cocktail Rossini. Fu inventato da Giuseppe Cipriani, l’inventore del più conosciuto Bellini Cocktail, nel 1948 e della cui storia e ricetta vi abbiamo parlato un po’ di tempo fa. Cipriani, che al tempo era proprietario e capo barista del celebre Harry’s Bar di Venezia, inventò in sacco di altri cocktail: il Bellini, come detto prima, (che è a base di prosecco e pesca), il Tintoretto, (che è costituito da spumante e melograno) e il Mimosa, (con spumante e arancia). Questi cocktail diedero una svolta significativa alla sua vita, facendolo diventare celebre anche oltreoceano. Il Cocktail Rossini si prepara con purea di fragole fresche e come per gli altri cocktail, spumante o in alternativa Champagne. Il suo nome vuol essere un omaggio al musicista e compositore Giacchino Rossini. Esso è un cocktail sparkling, che si serve in flûte, raffinato e senza dubbio meno conosciuto del Bellini.

Ingredienti: 60 grammi di fragole – 140 ml di spumante brut.

Preparazione del cocktail Rossini


Frullate le fragole fresche e filtratene il succo con l’aiuto di un colino. Successivamente, versate il succo ricavato dal filtraggio in un calice o in un bicchiere di vetro, colmandolo con dello spumante brut, secondo le dosi da noi indicate. Servite il Rossini, decorando in fine il bicchiere con una fragola intera.

cocktail rossini

Stampa la ricetta