Oggi scopriamo come preparare gli gnocchi di castagne, un piatto tipico della Valtellina o della Toscana; un primo piatto d’origine povera, visto che le castagne erano considerate, un tempo, un alimento facilmente reperibile e che riempiva lo stomaco, e venivano dunque utilizzate in una multitudine di ricette.

Gli gnocchi di castagne sono una variante dei classici gnocchi di patate o degli gnocchi di pane. Hanno un sapore dolce, da “bilanciare” in un condimento con burro e salvia – come in questo caso – oppure con un sugo realizzato con interiora di pollo. Altra alternativa: con una bella grattugiata di parmigiano o taleggio in superficie.


Conosciuta anche con il nome di farina dolce, la farina di castagne è ottenuta dall’essiccatura e dalla macinatura delle castagne, che in passato rappresentava la principale fonte di sostentamento, soprattutto per le popolazioni appenniniche settentrionali e meridionali.

Per avere degli ottimi risultati vi raccomando di adoperare della farina di castagne ben setacciata.

Preparazione degli gnocchi di castagne

Ingredienti per 4 persone: un chilo di patate – 250 grammi di farina di castagne – 2 uova – sale – pepe

  1. Cuocete le patate con la buccia in abbondante acqua non salata.
  2. Una volta pronte, scolatele con l’aiuto di una schiumarola e sbucciatele, passandole poi in uno schiacciapatate.
  3. Procuratevi un recipiente bello ampio e lavorate con cura le patate con la farina di castagne, le uova, il pizzico di sale e una di pepe nero dal mulinello.
  4. Amalgamate bene l’impasto di castagne e fatelo a pezzi abbastanza grandi, da cui ricaverete dei filoncini, lavorati su una spianatoia infarinata.
  5. Tagliate i filoncini di impasto così ottenuti a tocchetti con l’aiuto di un coltello, in modo da ricavarne degli gnocchi.
  6. Intanto, mettete a bollire in una capiente casseruola dell’acqua e salatela.
  7. A bollore raggiunto, tuffatevi gli gnocchi di castagne poco alla volta.
  8. Appena gli gnocchi torneranno in superfice, fateli scolare dall’acqua in eccesso, prelevandoli con un mestolo forato e riponeteli in un piatto da portata o una zuppiera.
  9. Condite infine gli gnocchi di castane in modo classico, con un condimento di burro fuso e salvia, oppure, con un sughetto con interiora di pollo.