Oggi vi diamo la vera ricetta delle frittelle di cavolfiore alla calabrese. Queste frittelle sono perfette per un buffet freddo o anche da mangiare ancora calde e fumanti non solo alla vigilia di Natale – come tradizione vuole – ma anche durante tutto l’arco del periodo invernale, quando si possono trovare dei cavolfiori freschi e saporiti.

Se ve ne sono avanzate non temete, basterà riscaldarle per qualche minuto in forno per gustarle nuovamente in tutto il loro straordinario sapore.

Come fare delle frittelle di cavolfiore alla calabrese perfette

I consigli su come fare delle frittelle di cavolfiore alla calabrese perfette possono essere svariati.

  • Ricordate di non lavorare il composto delle frittelle quando è ancora molto caldo, in quanto in questa fase potrebbero sprigionare ancora molto acqua e quindi vi costringerebbero a adoperare molta farina nell’impasto, cosa che vi farebbe ottenere frittelle di cavolfiore alla calabrese molto pesanti.
  • E’ consigliabile far riposare sempre la pastella in frigo per almeno 30 minuti prima di friggere le frittelle di cavolfiore alla calabrese.
  • Friggete sempre quattro o cinque frittelle di cavolfiore per volta, evitando di sovraccaricare troppo la padella, in modo da non far abbassare troppo la temperatura dell’olio e compromettere inevitabilmente la buona riuscita della ricetta.
  • Comprate dei cavolfiori bianchi e freschi con una superficie compatta, soda e spugnosa.

Ingredienti per 4 persone

Un cavolfiore di 800 grammi circa
80 grammi di pecorino grattugiato
Qualche cucchiaio di farina 00’
2 uova
Prezzemolo fresco
Pepe nero macinato
Uno spicchio di aglio
Sale
Olio di semi di girasole per friggere

frittelle di cavolfiore alla calabrese


Preparazione delle frittelle di cavolfiore alla calabrese

  • Pulite il cavolfiore eliminando il torsolo e le foglie verdi esterne.
  • Poi, dividetelo in rosette e lavatelo con cura sotto l’acqua fredda corrente.
  • Fate cuocere quindi il cavolfiore in abbondante acqua salata bollente.
  • Controllate il grado di cottura del cavolfiore con una forchetta, in modo da non farlo cuocere eccessivamente.
  • Una volta che ne avrete ultimato la cottura scolatelo bene con un schiumarola e fategli perdere tutta l’acqua che avrà assorbito.
  • Mettete il cavolfiore in una ciotola capiente e schiacciatelo con l’aiuto dei rebbi di una forchetta, lasciandone intatti dei pezzettini.
  • Unite al composto un pizzico di pepe nero macinato, del prezzemolo fresco trito, una manciata abbondante di pecorino grattugiato e dell’aglio tritato finemente.
  • Ora unite al composto di cavolfiore anche le due uova sbattute e mescolate bene il tutto.
  • Aggiungete due cucchiai di farina 00’ e rimescolate nuovamente, affinchè tutti gli ingredienti si amalgamino alla perfezione.
  • Assaggiate un po’ del composto per verificare se ci voglia un pizzico di sale ed eventualmente aggiungetelo.
  • Se la pastella dovesse risultare troppo liquida aggiungete un altro pochino di farina.
  • Viceversa, se la pastella dovesse risultare troppo compatta aggiungete un poco di acqua frizzante che vi aiuterà, tra l’altro, ad avere delle frittelle di cavolfiore alla calabrese belle croccanti all’esterno.
  • Fate riposare l’amalgama in frigorifero per almeno 30 minuti nella ciotola, coperto da pellicola trasparente.
  • Passato questo tempo, prendete una padella capiente e dai bordi alti e mettete al suo interno abbondante olio di semi di girasole, facendolo divenire bollente.
  • Prendete delle piccole parti di composto con un cucchiaio e fatelo scendere in padella formando delle frittelle di cavolfiore più o meno della stessa misura.
  • Continuate in questo modo fino a riempire la padella di frittelle di cavolfiore alla calabrese.
  • Quando le frittelle di cavolfiore alla calabrese inizieranno a rapprendersi controllate la doratura del lato della frittelle a contatto con la padella.
  • Quando una lato sarà dorato rigiratele e fatele friggere anche dall’altro.
  • Friggete tutte le frittelle di cavolfiore alla calabrese a fuoco medio – alto per poi posarle poco alla volta su di un piatto da porta ricoperto da carta assorbente da cucina, in modo che perdano l’olio in eccesso, assorbito in fase di frittura.

    Frittelle di cavolfiore alla calabrese