La pasta alla pirata è un primo piatto dalle origini molto antiche. Propria della cucina fiorentina di un tempo, la pasta alla pirata si prepara utilizzando della pasta lunga, come le trenette o gli spaghetti – che assorbono meglio il sugo al pomodoro – che viene poi arricchita con frutti di mare vari, quali: cuori, vongole o quelli che più vi piacciono.

Nella pasta alla pirata si possono aggiungere anche piccoli crostacei. In questo caso, noi abbiamo scelto di utilizzare i gamberi. Per dare ancora più sapore alla pasta, la tradizione vuole che si faccia uso di diversi aromi, quali: il prezzemolo, l’aglio, la cipolla e il peperoncino in polvere.

 

Contenuti dell'articolo

Preparazione della pasta alla pirata

Ingredienti per 4 persone: 400 grammi di trenette o spaghetti – 300 grammi di cuori – 300 grammi di vongole – 300 grammi di gamberi – 300 grammi di salsa di pomodoro – un ciuffo di prezzemolo – mezza cipolla – 2 spicchi di aglio – 8 cucchiai di olio extravergine di oliva – peperoncino in polvere – sale


  1. Mettete a mollo in una soluzione di acqua e sale cuori e vongole per due ore.
  2. Intanto, sgusciate tutti i gamberi, privandoli del filo intestinale, lavateli con cura sotto l’acqua fredda corrente e asciugateli.
  3. Mondate la cipolla e fatela soffriggere in 4 cucchiai di olio insieme ad uno spicchio di aglio.
  4. Versatevi i gamberi e cuoceteli per pochi minuti, per poi toglierli dalla padella e riporli al caldo.
  5. Mettete i cuori e le vongole ad aprire in padella, coprite la pentola con un coperchio e alzate la fiamma.
  6. Estraete i molluschi dalla loro conchiglia e metteteli al caldo insieme ai gamberi.
  7. Successivamente in una seconda padella fate soffriggere dell’aglio, ponetevi la passata di pomodoro e insaporite con un pizzico di sale ed uno di peperoncino, proseguendo la cottura a fuoco lento per 15 minuti circa.
  8. Poi, unitevi i cuori, le vongole e i gamberi precedentemente sgusciati, lasciando insaporire il tutto.
  9.  Ora, cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolandola ancora al dente e facendola saltare nel condimento in padella.
  10. Servite la pasta alla pirata ancora calda e spolverizzata con del prezzemolo fresco trito.

Vota la Ricetta
[Total: 0 Average: 0]

Articoli consigliati