Oggi vediamo come fare la pasta alla pescatora. La pasta alla pescatora è molto semplice da preparare ma allo stesso tempo molto raffinata ed elegante. Un primo piatto ideale sia per la tavola delle feste che per cene con amici.

Per prepararlo, noi de “La Cucina di Bacco” abbiamo utilizzato solo cozze e vongole e naturalmente, pomodorini pachino e prezzemolo fresco, ma volendo voi potete aggiungere anche dei calamaretti e dei gamberi. Otterrete così una pasta alla pescatora ancor più ricca, gustosa e profumatissima!

Se volete provate a realizzare anche un’altra gustosa variante: le bavette alla marinara con l’aggiunta di moscardini.

Perché si chiama pasta alla pescatora

La pasta alla pescatora sembrerebbe originaria di Napoli anche se anche il Lazio ne rivendicherebbe la paternità.

Il nome alla pescatora deriverebbe dal fatto che, i molluschi utilizzati per prepararla proverrebbero per lo più da scogli, fondali fangosi o sabbiosi.

Come fare la pasta alla pescatora

Cominciamo con il formato di pasta da utilizzare. Per preparare una buona pasta alla pescatora di solito si usano gli spaghetti, le linguine o i bucatini, come abbiamo fatto noi.

Poi si passa alla pulizia accurata di cozze e vongole.

  • Mettete le vongole in un contenitore capiente e ricopritele completamente con dell’acqua fredda a cui avrete aggiunto un cucchiaio di sale – una cucchiaio per ogni litro di acqua –  che andrà cambiata spesse volte per favorire l’eliminazione dei granelli di sabbia che sono al loro interno.
  • Intanto che le vongole spurgano, pulite con cura anche le cozze sotto l’acqua fredda corrente, grattandole bene con un coltello affilato e rimuovendo anche la barbetta. Sfregandole tra loro vedrete che le cozze si puliranno per bene.
  • Immergete quindi anche le cozze in una bacinella di acqua fredda salata e fatele spurgare per alcune ore, ricordandovi di cambiare l’acqua più volte.
  • Quando sia le cozze che le vongole avranno rilasciato tutta la sabbia, prelevatele d’acqua salata con una schiumarola e posatele su di un canovaccio asciutto prima di usarle per fare la pasta allo scoglio.

Se volete evitarvi di pulire cozze e vongole, potete anche acquistare un preparato di pesce congelato per pasta alla pescatora già pronto.

Ma vediamo come fare la pasta alla pescatora nel dettglio!

Ingredienti per 4 persone

500 grammi di bucatini
350 grammi di cozze
350 grammi di vongole
8 cucchiai di olio extravergine d’oliva
7 o 8 pomodorini pachino
Uno spicchio di aglio
Un ciuffo di prezzemolo
Sale
Pepe

Pasta alla marinara 4


Preparazione della pasta alla pescatora

  • Lavate e ripulite le cozze da ogni impurità per poi far spurgare anche le vongole.
  • In una pentola dai bordi alti mettete dell’olio extravergine di oliva lasciandolo scaldare con un spicchio d’aglio schiacciato e pelato.
  • Quando l’aglio sarà rosolato toglietelo dalla padella e aggiungete le cozze e le vongole precedentemente pulite e lavate.
  • Bagnate con del vino bianco secco che lascerete sfumare completamente.
  • Incoperchiate il tutto e attendete che cozze e vongole si aprano completamente, eliminando dalla padella i mitili che non si saranno aperti.
  • Unite quindi i pomodorini lavati e tagliati a pezzetti.
  • Salate, pepate e aggiungete del prezzemolo fresco tritato.Pasta alla marinara
  • Lasciate che il sugo alla pescatora si cuocia per altri cinque minuti senza coperchio, rigirandolo di tanto in tanto con un mestolo di legno.
  • Intanto, fate cuocere i bucatini in abbondante acqua salata bollente e una volta cotti e al dente scolateli per poi tuffarli nella padella con il condimento alla pescatora.Pasta alla marinara 1
  • Amalgamate bene la pasta alla pescatora, unendo se accorre due coppini di acqua della pasta.
  • Cospargetela con una bella manciata di prezzemolo trito fresco, rimestate ulteriormente e serviteli in tavola.