Sapete come si preparano gli spaghetti con la rosamarina, o bianchetti, alla calabrese? Ve lo spiego dettagliatamente noi della Cucina di Bacco!

Cominciamo col dire che i bianchetti conosciuti anche come rosamarina in Calabria, non sono altro che piccolissimi pesci allo stato larvale di alici o di sarde. Vengono chiamati anche Nunnata in Sicilia, cioè “non nati” e ciccinielli. In quanto appena nati, i bianchetti non hanno spine, sono di un colore quasi biancastro e lucido e sono molto delicati. La rosamarina calabrese si può preparare in mille modi: a frittata, con le tradizionali e note pitticelle di rosamarina, conservata in recipienti con peperoncino secco a scaglie o condita con olio di oliva, sale, limone spremuto e l’immancabile peperoncino secco a scaglie piccante o dolce e consumata al momento da cruda.

La pesca della rosamarina è sottoposta a leggi molto severe, che ne decretano il fermo biologico in determinati periodi dell’anno. I pesciolini si possono pescare infatti, solo nel periodo che va da dicembre ad aprile, quando le uova dei bianchetti si schiudono.

La ricetta degli spaghetti con la rosamarina alla calabrese

Ingredienti per 4 persone: 360 grammi di rosamarrina o bianchetti – 150 grammi di pomodorini pachino maturi – 400 grammi di bianchetti – 2 spicchi di aglio – 2 coppini di brodo di pesce oppure acqua calda – un rametto di prezzemolo – 4 cucchiai di olio extravergine di oliva – sale – pepe.


  1. Pelate e schiacciate gli spicchi di aglio, facendoli rosolare a fuoco medio con un po’ di olio extravergine di oliva. Quando l’aglio sarà divenuto dorato toglietelo dal tegame e unitevi i pomodorini pachino precedentemente lavati, tagliati a metà e privati dei semi. Regolate di sale e di pepe.
  2. Fate bollire per 5 minuti e quando il sugo comincerà a ridursi unitevi i bianchetti o rosamarina che avrete precedentemente pulito con cura e sgocciolato, facendogli perdere l’acqua in eccesso, eliminando eventuali residui di sabbia, alghe, rami, ecc.
  3. Bagnate il tutto con del brodo di pesce o in alternativa acqua calda. Continuate la cottura per altri 5 minuti, aggiungendo il prezzemolo tritato e intanto fate cuocere gli spaghetti al dente in abbondante acqua saltala. Quando gli spaghetti saranno pronti scolateli e conditeli con i gianchetti o rosamarina e pomodorini pachino.

Spaghetti o pasta alla calabrese con i bianchetti o rosamarina

Stampa la ricetta