Taralli dolci napoletani di Pasqua

aralli dolci napoletani di Pasqua

I taralli dolci napoletani di Pasqua sono dei biscottoni rustici dal sapore antico. Durante la settimana Santa – e precisamente il Giovedì – le massaie napoletane usavano infornare questi gustosi biscotti che venivano realizzati con le raschiature e le briciole avanzate dalla realizzazione delle pastiere.

Un dolce di riciclo quindi, che nasce dall’esigenza di non buttar via nulla in tempi in cui la povertà e le ristrettezze economiche la facevano da padrone.

Isono tipici del Sud Italia, dalla Campania alla Puglia, sino a giungere in Calabria, dove vi è l’usanza di fare dei taralli aromatizzati all’anice e ricoperti con glassa di zucchero e confettini colorati, oppure, realizzare i ginetti.

Tradizioni campane di Pasqua

Secondo la tradizione campana, i taralli dolci napoletani di Pasqua devono avere forma rotonda e leggermente schiacciata, come per i roccocò, ed essere molto grandi. Solitamente vengono spolverizzati di zucchero semolato in superficie prima di essere infornati per poi essere inzuppati nel latte anche durante l’ultimo giorno di digiuno e astinenza il Venerdì Santo, data la loro semplicità, oppure, sgranocchiati alla mattina di Pasqua prima del ricco pranzo in famiglia.

I taralli dolci di Pasqua sono una preparazione molto semplice che si basa su una pasta frolla di quelle classiche, fatta con farina, uova, zucchero e strutto che ne garantisce una morbidezza senza pari.

Questi biscotti inoltre, si conservano per diversi giorni e si possono aromatizzare con la Strega – tipico liquore campano – oppure con l’anice, il sambuca o il limoncwello. A voi la scelta!

Ingredienti

300 grammi di zucchero semolato
200 grammi di strutto
500 grammi di farina 00’
Una bustina di lievito per dolci
Buccia di un limone grattugiato
6 uova (2 interi e 4 tuorli)
Un bicchierino di Strega o liquore all’anice oppure sambuca
Una bustina di vanillina


Preparazione dei taralli dolci napoletani di Pasqua

  • In un recipiente capiente mettete la farina 00’, lo zucchero semolato, la buccia grattugiata di un limone, le uova, il lievito per dolci e la vanillina.
  • Unite quindi anche lo strutto e il liquore che più preferite.
  • Lavorate il composto con una forchetta e appena avrà cominciato a divenire un po’ più compatto trasferitelo su un piano di lavoro e impastate il tutto a mano fino ad ottenere una pasta frolla compatta.
  • Prelevate dall’impasto dei pezzi di frolla con i quali formare dei filoncini di circa 15 centimetri di lunghezza.
  • Chiudete le due estremità a formare un tarallo, schiacciandole leggermente con le dita.
  • Prendete quindi una teglia e rivestitela con un foglio di carta da forno per poi poggiarvi i taralli dolci napoletani di Pasqua, ricordandovi di distanziarli gli uni dagli altri, poiché in fase di cottura cresceranno tanto.
  • Spolverizzateli in superfice con un poco di zucchero semolato e cuoceteli in forno statico preriscaldato per 25 minuti circa a 180°C, fino a quando saranno divenuti dorati.
  • Trascorso questo tempo, sfornateli e fateli raffreddare.aralli dolci napoletani di Pasqua
    Foto di Cristianrodenas

Vota la Ricetta
[Total: 0 Average: 0]

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *