La Giurgiulena calabrese è conosciuta anche con il nome di giuggiulena o giuggiolena. Questo torroncino croccante realizzato con semi di sesamo, mandorle, zucchero e miele è di probabile origine araba.

Il termine ǧulǧulān/ǧulǧalān in arabo significa infatti seme di coriandolo o di sesamo.

La Giurgiulena è apprezzata e preparata anche in Sicilia, dove è nota come Cubaita.

Solitamente la Giurgiulena calabrese viene preparate nelle feste invernali, quali, il giorno dei Morti e nel periodo Natalizio. Chi di noi non l’ha preparata almeno uno volta nella vita? O non l’ha assaggiata, comprandola sui banchi dei negozianti ambulanti nelle fiere di paese?

Anche se la sua realizzazione non è molto corta tra solidificazione del composto di zucchero, limone, mandorle, sesamo e miele e la realizzazione dell’amalgama – vi serviranno infatti 2 giorni e più per far tutto – ne vale veramente la pena!

Ingredienti

500 grammi di semi di sesamo
250grammi di zucchero semolato
Un limone
250 grammi di mandorle tostate
250 grammi di miele millefiori
Confettini colorati di zucchero
Un’arancia
Foglie di arancio


Preparazione della Giurgiulena calabrese

  • In un tegame di acciaio dai bordi alti fate tostare i semi di sesamo per circa 10 minuti a fiamma bassa.
  • Poi, unitevi lo zucchero semolato, il miele mille fiori e alcune gocce di limone.
  • Fate sciogliere pian piano il composto e aggiungete anche le mandorle calde e leggermente tostate.
  • Rimestate la Giurgiulena calabrese per quasi 30 minuti con un mestolo di legno, fino a quando lo zucchero sarà diventato dorato.
  • Versate quindi tutto il composto su di un piano di lavoro di marmo e con l’aiuto di un mattarello imbevuto con del succo di arancia, cominciate a stendere l’impasto fino ad ottenere un rettangolo di uno spessore di circa un centimetro.
  • In sostituzione del mattarello di legno si può stendere la Giurgiulena calabrese con un’arancia tagliata a metà. In questo modo il dolce sarà profumato ancor di più…
  • Quando la Giurgiulena calabrese risulta ancora tiepida, fate delle incisioni in modo da ottenere dei rombi di media grandezza.
  • Per avere i rombi vi basterà esercitare una piccola pressione in corrispondenza dei tagli, una volta che la Giurgiulena calabrese si sarà completamente raffreddata.
  • Decorate la Giurgiulena con diavoletti di zucchero colorati e quando sarà fredda e tagliata, deponetela in pezzi romboidali su una foglia di arancio.

    Giurgiulena calabrese

    Foto: Wikipedia/Diádoco CC BY-SA 3.0

Stampa la ricetta