Cosa sono le nepitelle?

Le nepitelle calabresi sono dei dolcetti a forma di mezza luna, con all’interno un goloso ripieno fatto con: uvetta sultanina, mandorle, cannella, noci, fichi secchi, noce moscata, miele, cacao in polvere, cioccolato fondente tritato, vino cotto oppure  marmellata di amarene, maraschino o un altro liquore dolce.

Le nepitelle in Calabria si preparano sia per la Pasqua che per festeggiare il Natale. Anche se oggi si possono trovare facilmente per tutto il periodo dell’anno, nei forni e nei negozi di prodotti tipici locali.

Inserite nell’elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) della regione Calabria, le nepitelle sono originarie della zona del catanzarese e del crotonese, dove possono prevedere diverse varianti di ripieno. Con i fichi secchi, con le sole mandorle al posto delle noci, con il cioccolato fondente e/o il cacao in polvere, con liquori tipo lo “Strega” o la marmellata d’uva o amarene in sostituzione del vino cotto o, ancora, con il miele al posto dello zucchero o in aggiunta.

La storia delle nepitelle calabresi

Questi dolci da forno, hanno una storia antichissima, basti pensare che sono menzionati già in un testo del Corapi dal titolo “Raccolta del dialetto catanzarese” e nel “Vocabolario calabro-italiano” del Contronei del 1895.

Le nepitelle hanno origine araba, ma il loro nome deriva dalla parola latina “nepitedum”, che significa palpebre degli occhi.

La loro forma ricorda infatti la palpebra chiusa di un occhio. Il loro nome poi, varia di zona in zona. In alcune parti della Calabria infatti vengono chiamate “pizze cu niebita”, o ancora nepiteddhi, nepite, nepitejie, o crestine dolci.

Provate quindi a fare delle buonissime nepitelle già da ora, per festeggiare il Natale, visto che tra l’altro manterranno intatto il loro sapore e la loro consistenza originaria anche per lungo tempo.

Preparazione delle nepitelle calabresi

Ingredienti per la pasta: 160 grammi di zucchero semolato – una bustina di lievito per dolci – 500 grammi di farina 00’ – 160 grammi di strutto o burro – un pizzico di sale – 3 uova.

Ingredienti per il ripieno: 160 grammi di uvetta già ammollata – 220 grammi di mandorle – 2 cucchiaini di cannella – 220 grammi di noci – 160 grammi di fichi secchi – un pizzico di noce moscata – 180 grammi di miele – buccia grattugiata di due arance oppure limoni – 50 grammi di cacao in polvere – 120 grammi di cioccolato fondente tritato – 180 grammi di vino cotto oppure di marmellata di amarene – un bicchierino di maraschino o di altro liquore dolce. Zucchero a velo per decorare.


  • Su un piano di lavoro fate la classica fontana di farina con il buco al centro, nel quale metterete le uova, lo zucchero semolato, lo strutto o il burro a temperatura ambiente, la bustina di lievito per dolci e un pizzico di sale.
  • Impastate con cura tutti gli ingredienti tra loro, fino ad avere un composto liscio e compatto che andrà fatto riposare per 30 minuti.
  • Intanto, dedicatevi al ripieno, tritando tutte le mandorle, le noci e i fichi secchi.
  • A questo punto, unite alla frutta secca anche l’uvetta passa precedentemente ammollata e strizzata per bene, la cannella in polvere, il liquore maraschino, la noce moscata, la scorza delle arance o dei limoni grattugiati, il cacao in polvere e il cioccolato fondente tritato.
  • Amalgamate con cura tutti gli ingredienti tra loro e unitevi poi, il miele precedentemente sciolto sulla fiamma e il vino cotto (che in alternativa potrà essere sostituito anche con della marmellata di amarene in egual quantità).
  • Amalgamate bene, nuovamente, tutti gli ingredienti per ottenere un ripieno omogeneo e fate riposare il tutto per 30 minuti coprendo con un canovaccio asciutto e pulito.
  • Ora stendete l’impasto delle vostre nepitelle calabresi con un mattarello, ottenendo una sfoglia di circa 3 mm.
  • Con l’ausilio di un bicchiere capovolto, ricavate dei dischi di impasto di circa 15 cm ciascuno.
  • Al centro di ogni dischetto sistemate un po’ di ripieno e spalmate sui bordi dei dischetti di pasta un poco di albume in modo da facilitarne la chiusura.
  • Ripiegate le nepitelle calabresi su se stesse, ottenendo così delle mezze lune che andranno chiuse bene con i rebbi di una forchetta.
  • Sistemate tutte le nepitelle calabresi su di una placca ricoperta da carta da forno e infornatele a 180° C per 20 minuti a forno statico.
  • Una volta che le nepitelle si saranno intiepidite mettetele in un piatto da portata e spolverizzartele di zucchero a velo.

 

Stampa la ricetta